giovedì 2 ottobre 2008

Gli italiani non perderanno nemmeno un euro ... ad avercelo l'euro da perdere


Mentre da una settimana in tutto il mondo i governi sono preoccupati per la crisi finanziaria americana e si presentano in parlamento ed ai cittadini cercando di proporre soluzioni, mentre negli Stati Uniti Bush ed i due candidati alla Casa Bianca (il Berlusconi ed il Veltroni degli States) collaborano per proporre azioni di governo che possano risolvere la crisi ed ancora una volta si presentano al Senato ed alla Camera, in Italia il Presidente del Consiglio ed il suo braccio destro in materia di economia, Giulio Tremonti, che fanno ? Lanciano proclami come degli imbonitori di bassa lega. "Gli italiani non perderanno un euro" strilla Barlusconi e non si vede come dargli torto considerato che gli italiani per trovare un euro devono munirsi del classico lanternino. "L'Italia non rischia" gli fa eco l'esattore Tremonti, ma non chiarisce che per Italia lui intende imprenditori e politici della stregua del suo padrone, non certo operai, impiegati e artigiani, il ceto medio insomma. Questi hanno visto delapidare i propri risparmi prima dall'avvento incontrollato dell'euro, poi dalla crescita smisurata dei prezzi e dell'energia ed ora dal crollo della borsa e dell'impero finanziario globale che ha dato loro l'ultima mazzata se per caso qualcuno fosse rimasto ancora in piedi. E quello che è più preoccupante ancora che non si danno spiegazioni a queste affermazioni ed a questi proclami gratuiti. E mentre come detto prima tutti i governi si affrettano ad andare in parlamento per affrontare la situazione drammatica, i nostri che fanno ? Berlusconi lancia proclami da Napoli liberata dai rifiuti dicono ma con l'aiuto della camorra (e questo naturalmente non lo dicono), Tremonti invece va in parlamento ma solo per parlare di finanziaria e non della crisi mondiale. Gia' e che andrebbe a dire il povero ministro dalla r-moscia ? Che l'Italia in qualita' di sultanato degli Stati Uniti non può e non è in grado di fare niente ? Meglio rifiutarsi di parlare. Insomma cari Italiani, state tranquilli e aspettiamo che Bush combini qualcosa altrimenti .... saremo i primi ad affondare.

2 commenti:

Crocco1830 ha detto...

Silvio ha detto che ci pensa lui a tutelare i risparmi (quando ci sono) degli italiani.
Aveva detto "ci penso io" per la monnezza a Napoli ... spostata in periferia. Aveva detto "ci penso io" per Alitalia ... ed ha prodotto migliaia di esuberi. Lo dice adesso ... se avete due euro, teneteveli sotto il materasso. E' meglio!

flo ha detto...

Dalle mie parti il signor Tranquillo è morto di freddo.
Per quanto riguarda la salvaguardia dei propri "risparmi" in tv al programma della Gruber una economista consigliava di investire in BOT perchè, dicono, lo Stato non può fallire.
Nel senso che se andiamo in bacarotta i soldi per pareggiare il bilancio ce li mette Silvio di tasca sua? ;)